martedì 25 ottobre 2011

Sulla bellezza

La vera bellezza impone il silenzio [...] Però, la credenza secondo la quale la bellezza impone il silenzio è ormai cosa del passato [...] La bellezza è divenuta pretesto di chiacchiera. Quando ci ci trova di fronte alla bellezza, ormai, ci si sente in dovere di esprimere al più presto le proprie impressioni. Si avverte il bisogno di stabilire il più in fretta possibile il valore della bellezza. Non fissarne il prezzo è pericoloso. E' divenuto un bene difficile da possedere quanto gli esplosivi. Oppure, possiamo dire che la capacità di possedere la bellezza per mezzo del silenzio, questa capacità eccelsa che esige di mettere a rischio la propria vita, è andata perduta [...]


Alzo gli occhi dal libro. Mi fermo a pensare. Quanto silenzio...

Quale silenzio? Mi guardo attorno e no, non può essere questo il silenzio della bellezza. 

Le lancette dell'orologio scandiscono un tempo fatto di nulla, ma non mettono ansia.  







Non si sentono. 



Nulla mi appare com'è. La lampada, la sua luce, altera il colore delle cose. Appaiono lontane le cose nel silenzio.

Non capisco nulla.

Continuo a leggere per qualche minuto ancora.


[...] non solo la bellezza, ma anche l'indifferenza impone il silenzio [...]


Ah ecco. Prendo il libro e da qualche parte lo getto.




Controvoglia mi alzo. Uno sguardo veloce allo specchio. Nemmeno lì ci sono. 

Guardo fuori dalla finestra adesso. 


 

Mi capita di fissare l'attenzione su un particolare irrilevante...

Succede che questo particolare pian piano cresce, e importanza acquisisce. Cattura la coscienza. 

Vince.


E non so come, e sorrido. 


Parcheggiato in un angolo, un cane mi ha pisciato sulla vespa!






Quanto silenzio....






Ps: in corsivo  Yukio Mishima.

16 commenti:

  1. ...non cè dubbio l'indifferenza è un Silenzio silenzioso...però con gli annimiei e l'esperienzamia la preferisco alle parole dette per nulla.
    ciaooo Vania :)

    P.s.....pisciavano sempre anche sul mio motorino quando facevo la postina....GRRRRRRRRRRRRRRR ;)))

    RispondiElimina
  2. ....ritorno...perchè parlavi di bellezza....secondo me la bellezza è sempre.... come tutto...soggettiva.
    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  3. la bellezza sono IO........
    un bacio.

    RispondiElimina
  4. Inneres: il cane brutto. Solo che in quel momento sembrava bello.

    Vania: facevi la postina! Ma che bella cosa! Credo che il postino sia un dispensatore di destino...molto poetica come figura. E poi Troisi..

    Anella: non ho dubbi ;)

    RispondiElimina
  5. "Il sublime, può apparire [...] come in contrasto con la nostra immaginazione e quasi come violento contro l'immaginazione stessa; nondimeno però può essere giudicato tanto piú sublime, per quanto maggiore è tale violenza"

    Dopo l'estasi salva la tua vespa.

    Un'intrusa ;)

    RispondiElimina
  6. ...ho fatto anche la postina :)...idea romantica che hai..mi fa piacere.

    ... ma non dire a nessuno che è odioso quando c'è la neve/nebbia... la strada ghiacciata, le elezioni, gli stupidi auguri natalizi...gli elenchi del telefono...eccc

    ....ma è bellissimo in estate con il sole ...e non hai bisogno delle stupide lampade....anche se l'abbronzatura è tipo muratore :)))....ci sono molti altri pro...che superano i fastidi...ma è troppo lungo da scrivere.
    ciaooo!
    Vania:)

    RispondiElimina
  7. Lisa: ma allora tu lo sai cos'è il sublime... me ne compiaccio. Ps: la vespa è tornata al suo antico (è il caso di dirlo) splendore. ;)

    Vania: vorrà dire che me ne parlerai un'altra volta. Sono curioso!

    RispondiElimina
  8. "Appaiono lontane le cose nel silenzio."

    Nel silenzio, ogni cosa prende vita... anche la più insignificante. Seppur distaccata dall'universo che "inside" si fa spazio, tra me e tutte quelle cose che prendono vita. Soltanto il silenzio, ci divide.
    Ed ogni dettaglio insignificante, assume le sembianze della bellezza...
    Essa, la si scorge nel carisma, nell'energia... e difficilmente, per quel che mi riguarda, nelle fattezze della materia... soprattutto, quando la stessa, possiede, deboli tratti e colori pastello...

    RispondiElimina
  9. I particolari irrilevanti sono ciò che preferisco. Forse perchè, quando li colgo, mi sembra di star osservando qualcosa che nessun'altro ha mai visto...

    RispondiElimina
  10. Mishima non sono mai riuscita ad apprezzarlo davvero..lessi Confessioni di una maschera e mi rimase criptico..vabeh...mi è piaciuta, piuttosto, una tua frase
    "Appaiono lontane le cose nel silenzio."

    Adorabile.

    Il cane che piscia sulla tua vespa poi è davvero una chicca...;-)

    RispondiElimina
  11. "Oppure, possiamo dire che la capacità di possedere la bellezza per mezzo del silenzio, questa capacità eccelsa che esige di mettere a rischio la propria vita, è andata perduta [...]"

    Ma l'uomo ha mai avuto tale capacità?
    Io credo che la bellezza innata sia intimamente silenziosa...è la sensibilità altrui che le conferisce un suono, una musica...del resto un incontro con la bellezza determina un'esplosione di sensazioni, che, quasi, impongono la necessità di rendere molti partecipi di quell'incontro...
    ...altrettanto vale per l'idifferenza: subirla induce spesso amaturare la rabbia di voler manifestare le proprie ragioni...e la rabbia prima o poi si riversa con frastuono.

    Buona giornata
    Meri

    RispondiElimina
  12. Dark: è molto vero ciò che scrivi. Carisma, energia, spinta alla vita e curiosità aggiungerei. Che colori ha l'amore per la vita?

    Marla: si, e questo ci fa sentire "pieni".

    Straw: Mishima è da temere: tremendamente sensibile e spietato, a volte ti conduce dove non vuoi andare. Ma come ogni grande romanziere "tragico", ha la "magia", ovvero una sorta di bellezza in ciò che scrive che non è traducibile sul piano cosciente. Alcune cose che ha scritto non mi sono piaciute. Altre mi hanno estasiato. Stridente. Ps: mi prendo i complimenti perchè mi fanno piacere.

    Meri: intanto bentornata. Intressante il tuo punto di vista. Non ci avevo pensato. Si, credo che la bellezza sia intrinseca. E sono convinto che l'uomo possa farla sua soltanto quando si riveli capace di sopportarne la fine... Buona giornata a te.

    RispondiElimina
  13. Ho idea che la bellezza sia e si manifesti sempre nel silenzio.... ma scorgela con l'occhio interiore di chi è disposto a coglierla gli conferisce voce così autonoma che già avanza e si fa spazio in un silenzio lontano che raggiunge altri come onda sonora che accarezza.

    Diceva bene Khalil Gibran " Nessuno è capace di convivere da solo con la bellezza che è capace di percepire".

    RispondiElimina
  14. Gizeta: che poi il destino della bellezza, ovvero la sua esistenza, non dipende dalla condivisione che ne facciamo...? Insomma, una bellezza percepita e non comunicata forse svanisce prima e non contribuisce alla sopravvivenza della specie...Se non se ne parlasse, chi saprebbe cos'è la bellezza? Non tutti gli occhi la percepiscono. C'è gente che ha bisogno di essere educata alla bellezza...Viviamo tutti con una piccola lanterna in mano. Per scoprire il mondo abbiamo bisogno della luce degli altri...

    Ps: come si fa a diventare "lettori fissi" del tuo blog? Non leggo l'opzione "segui". Ma magari sono semplicemente distratto...aiutami dunque.

    RispondiElimina
  15. sai che anch'io non trovavo nessuna opzione "segui"...ho cambiato a malincuore l'aspetto del blog da dinamico a semplice e adesso potresti diventare il mio primo "lettore fisso" ...non è solo il posto "blog" ad essere nuovo per me ma anche tutto quello che lo riguarda tranne tra C&T che c'è da prima ancora dell'idea di esso.

    RispondiElimina