venerdì 9 giugno 2017

Vivere non è facile



Pensavo fosse semplice vivere, pensavo, sì, insomma, che ci vuole, non devi fare altro che respirare, camminare, mangiare tre o quattro volte al giorno, accomodarti al cesso con buona regolarità, scopare quando capita, e se rimane un po' di tempo, amare, sì, amare, come puoi, come sai fare, per quanto sai dare. Poi c'è da studiare, lavorare, dormire, aprire gli occhi, sempre con buona regolarità. Ridere, sorridere, a volte piangere. Leggere, magari scrivere. Viaggiare, cadere, salire e scendere. Volare, e perché no, sognare. 

Quand'ero piccolo ero assolutamente convinto fosse una cosa facile vivere. E che ci vuole, pensavo, e mentre lo pensavo i miei occhi fissavano il vuoto, come se quel pensare prendesse tutto il campo della realtà, come se non potessi pensare e contemporaneamente guardare anche alle cose che nel frattempo accadevano intorno a me, come se non ne fossi capace. Pensavo, e il mondo attorno a me si svolgeva senza che ne prendessi parte. Un giorno avevo dieci anni, e l'altro venti. Così, senza fatica. Succedeva pure che un giorno ne avessi trenta e l'altro dieci, come sei il tempo non contasse nulla, come se il tempo ce l'avessi dentro.

Incredibile. Perfino oggi che ho sperimentato il dolore della realtà, perfino adesso che so che vivere non è facile, io la penso come allora, e mi accorgo di vivere come quando ero bambino e pensavo e non vivevo, oppure vivevo senza pensare. Le cose accadono, a mi pare di non avere alcun potere su di loro. La vita si svolge a prescindere da me, dalla mia capacità di dare e di ricevere, dalle mie qualità e dai mie difetti, dai miei successi e dalle mie sconfitte. E che ci vuole, penso oggi come allora. E' per davvero semplice vivere, in quanto nulla dipende da me. 

Dal momento che non ho alcuna presa sulla vita, preferisco leggere. 


"A trentanove anni si cominciano a vagliare le cose con una certa lucidità, si distingue il grano che serve a nutrire la vita (amore, amicizie, lavoro), da ciò che è stato la fiammata di un momento, inutile persino per scaldarsi. Ci si aggrappa ai libri che veramente ci hanno segnato, si comincia a rileggerli e si può fare a meno di tutti gli altri. Rimangono gli amici veri, gli amori fedeli, l'impegno quotidiano in un lavoro, magari non riconosciuto dalla folla, che però serve, eccome se serve, perché è al servizio degli altri ed è il dispiegarsi della propria capacità di riparare. A trentanove anni rimane al centro del mio cuore l'amore grande, quello che nessuno può rovinare, l'amore che cura, l'amore che sostiene, l'amore che tace e che parla, l'amore che fa sanguinare e sognare, l'amore che salva perché è fedele e duraturo. E si fa strada nel cuore, come un'alba dopo la notte, la certezza che non può finire, perché è un amore che unisce gli impossibili: terreno e celeste, divino e umano, battagliero e pacificante". (Alessandro D'Avenia)


Succede a volte, per fortuna, che le parole scritte esercitino su di me tutto il loro potere. Che mi aiutino a dare concretezza alla mia vita, a unire i pensieri alla realtà. Leggo tutto ciò che mi aspetta o che sto già vivendo, e mi rassereno. Qualcosa, nella mia vita, dipende da me, da tutto che faccio o che ho fatto. Da quanto ho scritto oppure detto. Grazie alla lettura della parola scritta, io vivo, e comprendo che vivere non è facile, okay, ma, in fondo, è l'unica cosa che conta.
















mercoledì 17 maggio 2017

Quando quando



Tu dimmi quando, quando. Quando arriverà?







Tutto mi sembra colorato e bello. La vita è una gran fortuna. Respiro, e l'aria che si infila nei polmoni mi riempie ogni giorno di stupore e meraviglia. Eppure c'è sempre quella domanda che mi assilla. Quando arriverà l'amore? 

Ogni giorno mi capita di incontrare gente affamata, affamata di desiderio, passione e morte. Quanto bisogno avrebbe di amore invece!

Siamo confusi, e nella nostra confusione combiniamo disastri. C'è chi decide di sposarsi proprio per risovere la confusione che si porta dentro. Poi c'è chi decide di convivere, perché sposarsi non ha senso, perché la religione è tutto un imbroglio, e l'amore non ha bisogno di imbrogli macroscopici. E poi c'è chi all'amore preferisce la solitudine. Quanta tenerezza mi fanno gli uomini e le donne che finiscono per rimanere soli, e senza capire nemmeno perché. Nella loro fragilità, un bisogno di amore che è infinito. E allora mettono i limiti a questo infinito capite? Decidono di struggersi e distruggersi. Decidono di mettere dei limiti, e ciascuno lo fa a modo suo. Perché funziona un po' così...



Mette i limiti chi non regge l'infinito


Sono le persone che amo di più. Quanto sono simili a me quelle persone che non trovano l'amore perché forse nemmeno lo cercano. Quelle che si chiedono quando, e che in fondo non sono poi così interessate a saperlo. Quelle che pensavano fosse amore, e invece era un calesse. Vero Troisi? Anche tu facevi parte di noi. Noi che...



..."Si può essere innamorati di diverse persone per volta, e di tutte con lo stesso dolore, senza tradirne nessuna, il cuore ha più stanze di un bordello" 

(Gabriel Garcia Marquez).








In un altro film facevi il postino. Che bel mestiere il postino. Recapitare il futuro alla gente, un futuro di tasse, okay, ma anche di sogni, speranze, opportunità. Di lettere d'amore. Ci ho trovato tanta poesia nel tuo mestiere, e forse il tuo incontro con Neruda non è stato poi così casuale. La poesia unisce le anime che si somigliano. 

"Quanto manca ancora per l'alba?" ci ha chiesto a un certo punto Pino Daniele, "...in questo immenso che dura tutta una vita...". La risposta l'ha data Neruda, come in un intimo dialogo a quattro voci, oltre il tempo e lo spazio di un'emozione. 




Se saprai starmi vicino,
e potremo essere diversi,
se il sole illuminerà entrambi
senza che le nostre ombre si sovrappongano,
se riusciremo ad essere “noi” in mezzo al mondo
e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere.

Se ogni giorno sarà scoprire quello che siamo
e non il ricordo di come eravamo,
se sapremo darci l'un l'altro
senza sapere chi sarà il primo e chi l'ultimo
se il tuo corpo canterà con il mio perché insieme è gioia…

Allora sarà amore
e non sarà stato vano aspettarsi tanto.



Caro Pablo. Anche tu certamente sei stato dei nostri. E voglio dirti grazie, oggi, io, unico sopravvissuto alla grinfie della morte, ma, ti assicuro, in compagnia di tanti altri nel mondo dei viventi. I tuoi versi oggi completano bene le mie parole confuse e sgangherate.







sabato 29 aprile 2017

Mayday, mayday. Abbiamo un problema.


Mayday, mayday. Abbiamo un grandissimo, colossale problema. Nel mondo che giorno dopo giorno vediamo, che secondo dopo secondo viviamo, che minuto dopo minuto accettiamo, che ora dopo ora ribaltiamo a nostro giudizio e piacimento, ebbene nel mondo che conosciamo o pensiamo di conoscere è venuto a mancare di recente un personaggio davvero importante. Nel mondo che abitiamo è sparito l'altro.

Non pensate alle solite menate sociopsicopedagogofilosofiche, il fatto è che l'altro non c'è più perché se n'è andato.

Già, siamo rimasti da soli. L'altro si è rotto le palle e se n'è andato via. Ci ha lasciato nel bel mezzo della nostra più compiuta mediocrità. Scrive Richard Yates: 

"È una malattia. La gente ha smesso di pensare, di provare emozioni, di interessarsi alle cose; nessuno che si appassioni o creda in qualcosa che non sia la sua piccola, dannata, comoda mediocrità."

Non so perché dal mucchio di cose che leggo ogni giorno ho tirato fuori proprio questo pensiero di Yates. Voglio dire, chi diavolo me lo ha fatto fare di commentare Yates!? Per di più è un pensiero estrapolato dal contesto, chissà che cosa avrà voluto significare. Magari è soltanto un pensiero alcolico riportato da un buontempone. Magari è stato attribuito a Yates ma non è di Yates. Ma al diavolo, che importa! Le parole hanno un peso oggettivo, e questo basta. 

Il mondo è mediocre, perché noi siamo mediocri. Be', che c'è? Non si può dire? Volete che qualcuno vi ripeta a pappagallo la bugia della vostra vita, che siete persone interessanti, soprattutto belle dentro, ma belle fuori pure perché è importante, e con mille qualità, che sapete scrivere e cantare, che avete un mucchio di amici che vi portano così, che avete sofferto ma che adesso avete la vostra libertà e ne godete pienamente, che il vostro lavoro non lo cambiereste per nessun altro lavoro al mondo, che tutto va bene così perché avete l'amore vero accanto, quello che vi tiene svegli, o che tutto va bene così perché non avete amori accanto, dal momento che non c'è nessuno che è all'altezza di voi, che non avete nessuno accanto perché in fondo non ne avete bisogno, perché state meglio da soli, perché soltanto voi siete capaci di amare per davvero e allora continuate a farlo sperando che il lui oppure la lei di turno prima o poi si accorgano del vostro amore presente, costante, pieno e poetico? 

Ma va' là, che sono tutte balle. L'altro non c'è perché se n'è andato. Non poteva tollerarvi più, non poteva tollerarci più, non potevamo tollerarlo più, non potevate tollerarlo più. E allora l'altro se n'è andato, e per davvero non importa se l'altro è un altro o siete voi, il punto è che l'altro se n'è andato, e voi continuate a festeggiare, stolti, la vostra più assoluta, compiuta mediocrità. Come l'incapacità di creare una relazione che si mantenga nel tempo. E faccio un brindisi a me stesso, beninteso, il principe dei mediocri soddisfatto, l'anti-Yates per eccellenza, l'incarnazione dei vostri incubi più neri. A voi tutti, il sig. fragilità in persona dice che abbiamo un problema. Mayday, mayday.




Ma dai!?


domenica 23 aprile 2017

Pensare e cercare


Cosa possono avere in comune Renato Zero e Charles Bukowski? Niente probabilmente. Eppure hanno dialogato. Lui, Charles, il maschile. Lei, Renato, il femminile. Il primo non la cerca. L'altra gli grida di cercarla. Lo fanno con la stessa intensità di sentimento. Eppure sembrano parlare di cose diverse, ma non è così. Lui Charles non trova il coraggio di amare, e allora scrive. L'altra gli grida di non farlo, di non scrivere, ma di agire invece. Il punto è che non sembrano trovarsi mai. Ma quanto sono vicini invece...




“Non ho smesso di pensarti, vorrei tanto dirtelo. 
Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare, 
che mi manchi e che ti penso. 
Ma non ti cerco. Non ti scrivo neppure ciao. 
Non so come stai. E mi manca saperlo. 
Hai progetti? Hai sorriso oggi?
                  Cos’hai sognato? Esci? 
                  Dove vai? Hai dei sogni? 
Hai mangiato? Mi piacerebbe riuscire 
a cercarti. Ma non ne ho la forza. 
E neanche tu ne hai. 
Ed allora restiamo ad aspettarci invano. 
E pensiamoci. E ricordami. 
E ricordati che ti penso, che non lo sai ma ti vivo 
                               ogni giorno, che scrivo di te. 
                               E ricordati che cercare e pensare 
                               son due cose diverse. Ed io ti penso 
                               ma non ti cerco.” (Charles Bukowski) 



Charles scrive che pensare non vuol dire cercare. Ma quanto somiglia all'amore il suo pensiero...





Renato sostiene che amare vuol dire cercare. Non lo fa con le parole scritte. Lei usa la musica, e le sue emozioni preferisce cantarle. Ha sofferto tanto, è allo stremo delle forze. Non crede che lui la cercherà. La sua disperazione è teatrale, come uno schiaffo in faccia. Canta, sperando che le note, come per magia, tornino alle orecchie con la speranza che lì, da qualche parte, lui l'ascolti.

Ho conosciuto tanti non amori così, perché, vedete, non è che ci sia amore per davvero. E' che da soli si sta meglio. Rimanendo da soli, sia Charles che Renato in fondo realizzano il proprio destino. Quello di scrivere della solitudine parlando dell'amore. Ma come sono bravi a farlo. A parlare di amore dico. Quasi mi convincono a pensare che non esiste forma di amore diverso dal loro. In questo modo posso evitare di cercare, sebbene, da qualche parte, qualcuno mi stia già aspettando.

mercoledì 22 marzo 2017

Il sole di notte



Chi ama vede il sole anche di notte. E non dite che non è vero.








Certe verità sono contenute nella musica. Non è possibile cercarle altrove. Non importa se in questo momento starai guardando il cielo, se a malapena vedi le stelle. Non cercare la luna, non interrogarti. Certe verità puoi trovarle soltanto nella musica.

E' alla musica che devi rivolgere il cuore. Il senso profondo delle cose non può essere compreso, soltanto sentito.

Non c'è religione che ti aiuti. Non puoi metterti in salvo se non senti col cuore.

E' quello il posto giusto. Rivolgi al cuore le tue domande. Troverai lì le risposte. La musica si infila proprio lì.

lunedì 27 febbraio 2017

Un amore - #followme



[...] Eppure adesso,  ballando il cha-cha-cha, gode la meravigliosa sensazione di essere libera, lieve e pura, di non appartenere a nessuno tranne che a lei stessa anzi neppure a lei bensì a qualcosa di più bello, alla musica, alla danza, alla poesia. 

Aveva un vestito color lilla di tessuto a grossa trama, teso sul busto, serrato da una cintura in vita, la gonna corta e gonfia. Sorrise, nell'estasi del moto, le sottili labbra socchiuse e piegate in fuori come petali, maliziosamente. Lui seduto la guardava scoraggiato. Come era vera, come era genuina, come era bella. Lui non l'avrebbe mai raggiunta. Lei era fuori, era straniera, apparteneva a un'umanità diversa, irraggiungibile, era l'incarnazione di.. di.. della del... maledizione di tutto quello che lui finora non ha avuto finora e idiotamente disprezzava, della follia, delle notti spavalde e condannate, delle cosiddette avventure le quali  sono fatte di sussurri nell'angolo proibito, di corridoi di grand hotel, porte che si schiudono senza scricchiolii, parole sommerse sul bordo del letto, quelle trasparenze sessuali, la vorticosa storia che la affascina, la risata, il braccio che cinge alla vita e lei si abbandona, lentamente oh sì, sì, lentamente mentre al di fuori, sul giardino, in completo silenzio, posa la luna. [...]

Queste parole e altre ancora descrivono l'amore disperato di Antonio per la Laide, una puttana ma una ballerina della Scala pure, un vortice di sensazioni e sentimenti contrastanti. Di passione e poesia. Un amore, già, un amore che non è soltanto il titolo di questo splendido libro di Dino Buzzati, ma è il canto di un'anima che si innamora e soffre, perché non c'è amore che non porti con sé una buona dose di sofferenza.

Oggi è il 27 febbraio del 2017. Questo blog compie sei anni, sei!, chi l'avrebbe mai detto che avrei cominciato a contare i miei anni da quel giorno, quando trentenne coraggioso decisi di intrecciare le mie parole con le vostre, i pensieri con quelli di chi ha avuto la pazienza e il coraggio di seguirmi fin qui e fino a qui.

Sono felice, e siccome lo sono per davvero, vi comunico una novità. Tadaaa...


L'ora della poesia è su instagram!


Cercando sul motore di ricerca dell'App loradellapoesia, proprio così, tutto attaccato, potrete se vi va seguirmi anche lì. I post sono stralci di questo blog e pensieri inediti dell'autore, e sono rapidi, istantanei, adatti a viaggiare velocemente sul web, pillole di poesia destinate a raggiungere cuori malati e speranzosi di guarire. 


Questa decisione segna il cambio di una filosofia, al passo coi tempi. In questo mondo liquido e istantaneo, se vogliamo noi poeti raggiungere il cuore della gente, dobbiamo farlo in questo modo, liquido e istantaneo, scagliando dardi indirizzati a chi non sa più se amare, e che cosa esattamente. Il compito di chi vuole avvicinare la gente alla poesia, alla conoscenza di se stessi dunque, non può che essere questo. Come Cupidi che costruiscono storie di amore, i poeti legano anime, scrutano paesaggi, si emozionano ed emozionano. Per farlo, escono da casa o da un blog e vanno in giro per il mondo.

Che altro aggiungere? Tanti auguri al mio blog e....


#followme!

sabato 28 gennaio 2017

La poesia del tennis


Avevo più o meno nove anni. Ho impugnato la racchetta con la mano destra, la mia mano di riferimento. Era pesante, eppure sentivo di poterla reggere. Era bianca, con l'impugnatura di colore giallo vivo. Ero felice, era la mia racchetta. Un regalo di compleanno. Ricordo quel momento, non il mio primo avversario. Non ricordo se fu mio fratello, mio cugino o un amichetto. Ricordo però che il campo mi sembrava grande, difficile da coprire, e che colpire quella pallina non era per niente facile. Eppure sapevo che tutto dipendeva da me. Se mi fossi esercitato di più, se avessi allungato i muscoli con vigore, se avessi organizzato meglio il mio schema corporeo, comprendendo anche la pallina, se avessi coordinato il cervello con le gambe, e i muscoli col respiro, se fossi riuscito nell'impresa di migliorami senza scivolare nello sconforto, se fossi stato coraggioso e forte, sufficientemente equilibrato, ebbene, se fossi stato tutto questo, certamente quella pallina avrei imparato a colpirla nel modo giusto, verso l'altra parte del campo, oltre la rete, lontano da me. Fino a raggiungere un'altra persona. 







Ed ecco che il tennis mi apriva all'esperienza della relazione. E della competizione. Perché non sei solo su quel campo. Dall'altra parte c'è un uomo come te. Un uomo con il "tuo stesso identico umore, ma la divisa di un altro colore". Proprio come cantava De Andrè. Dunque il tennis diveniva la mia battaglia. Non potevo confidare nell'aiuto di nessuno, solo nelle mie forze. Fu così che assaporai per la prima volta la gioia per la vittoria e il dolore della sconfitta. Quante volte avrei provato le stesse emozioni in seguito. Quante volte avrei vinto, e quante avrei perso. Quante volte.





Ho deciso di scrivere questo post prima della finale degli Australian Open di domani. Federer sfiderà Nadal. Non succedeva ormai da anni che il più grande tennista di sempre affrontasse in una finale dello slam il più grande sfidante di sempre. La vita è bizzarra, e sebbene nessuno ci credesse più, per gli acciacchi e le sfortune che li hanno colpiti, e perché non sono più giovani come un tempo, quando i tornei più prestigiosi li vincevano con la forza della gioventù e la fortuna del talento, ebbene, nonostante nessuno ci credesse più, domani saranno di nuovo uno di fronte all'altro, forse per l'ultima volta, o forse no, perché la vita è misteriosa, e ci sorprende sempre.







Federer, l'incarnazione del tennis, della sua nobiltà. Bello, armonico, elegante, tecnico. Professionista impeccabile. Uomo di successo. L'ambasciatore del tennis nel mondo. Il più vincente della storia. Nessuno è come lui. La luce e l'armonia. La virtù. L'artista geniale. L'icona. Diciassette titoli grande slam.

Nadal, la forza della fame. La passione del coraggio. L'aggressività della tigre. La fiamma negli occhi. L'uomo che cade e si rialza più forte. Corre e morde come nessuno. Centimetro dopo centimetro occupa tutto il campo, come farebbe un gladiatore. Non il dono dell'eleganza, ma la forza dei muscoli. Vincere o morire. L'ombra e l'istinto. Il sacrificio. L'uomo che regge la fatica del mondo. Quattordici titoli grande slam, meglio di lui soltanto Federer.

Federer contro Nadal, la battaglia infinita dentro ciascuno di noi. La mano destra contro la mano sinistra. Lo spirito contro il corpo. La luce contro la tenebra. L'apollineo contro il dionisiaco. Federer contro Nadal,  l'uomo che si guarda allo specchio e osserva tutto e il suo contrario. L'eterna ambivalenza. Il senso della scelta.

Chi avrà la meglio? Quale la vera natura dell'uomo? 




La risposta più saggia arriverà soltanto al match point di ogni singola esistenza.






NB: L'ora della poesia sostiene la bella iniziativa del premio letterario Europa in versi, che pubblica gli inediti di poesia e narrativa con una casa editrice italiana a diffusione nazionale e invita vincitori e finalisti ospitandoli a proprie spese a Como, dando loro la possibilità di essere protagonisti insieme a poeti, scrittori, intellettuali italiani e stranieri al Festival Internazionale di Poesia Europa in versi. Potranno infatti leggere alcune poesie o brani dei loro libri in un contesto di alto livello culturale.
Il premio è articolato in 7 sezioni:
 Poesia inedita
 Poesia edita
 Poesia in dialetto (edita o inedita)
 Poesia giovane (edita o inedita, riservata agli under 30)
 Narrativa inedita
 Narrativa edita
 Narrativa giovane (edita o inedita, riservata agli under 30)

Presidente di giuria Milo De Angelis.
Aperto a poeti e narratori italiani e stranieri
Termine del Premio 28 febbraio 2017