lunedì 25 aprile 2011

Lettera a Pierina

Chi ha letto qualche pagina di questo blog lo sa. In questo periodo sono tormentato da Cesare Pavese. 

Vorrei appropriarmi di tutto quello che ha scritto. Diventarne l'autore. E poi dare fuoco a tutto.

Perché ? 

Perché dice quel che non so dire e che probabilmente, se anche ne fossi capace, non direi mai.

E veniamo a noi. Alla lettera, come alla poesia.





E' tremendamente difficile parlare d'amore. 

Eppure sembra così semplice.

15 commenti:

  1. Non lo è affatto semplice, magari lo fosse.
    Posso seguirti anche io?

    RispondiElimina
  2. Amo Pavese, le sue poesie sono perennemente sul mio comodino. Quello che non riusciremmo a dire neanche con i più tortuosi giri di parole, lo dice in pochi versi, chirurgico, preciso.
    Ti seguo, a presto!

    RispondiElimina
  3. Sante parole...tutti ne fanno una gran parlare, ma chi parla davvero di amore?? Pavese ci riesce, ma mi pare uno dei pochi che sia mai riuscito veramente...Pavese l'ho scoperto da pochissimo, più come romanziere che come poeta, e devo dire che mi colpisce molto...vorrei che di lui se ne parlasse di più...ricordo che a scuola me lo avevano accennato semplicemente...grazie per questa poesia...a presto! :-)

    RispondiElimina
  4. ...bello questo "brano/poesia".... e credo che quando si vuole bene/si ami una persona sia molto molto facile parlare d'amore.

    ...credo che l'Amore trovi sempre una strada da percorrere se è vero.....come in questa Poesia...e alle volte (sbagliando) si accetta "qualsiasi" cosa pur di amare e di non essere scordato.

    ...solo grandi oratorie non servono a nulla secondo me....servono sempre i "fatti/gesti" della/nella vita "costruiti" con il cuore.
    ciao Vania

    RispondiElimina
  5. Nicole: ne sarei felice.

    Giulia: da quel poco che ho capito, viviamo Pavese allo stesso modo. Sei la benvenuta.

    Straw: Certe cose si scoprono quando si cercano risposte nella vita. Magari capita di cercarle negli scritti di qualcuno di cui si è sentito parlare al liceo, quando si era ancora dei ragazzini e il mondo appariva più semplice, e anche l'amore lo era.

    Vania: hai ragione. La parola, da sola, non riesce a far chiarezza. A volte ci inganniamo con le parole. E quando si ama è persino più facile. Quando si ama non si capisce proprio nulla.

    RispondiElimina
  6. la rima più antica/difficile del mondo :)

    RispondiElimina
  7. non ho ancora i feed .. per il momento ti linko

    RispondiElimina
  8. E' bello averti incontrato per strada.

    RispondiElimina
  9. non conoscevo Pavese...
    incredibile ma vero...
    come vedi il tuo blog mi ha fatto un dono...

    RispondiElimina
  10. Anonimo ti presento Cesare, Cesare ti presento anonimo. ;) A parte gli scherzi, sono contento di esserti stato utile. Adoro e odio Pavese. Forse per questo è interessante.

    RispondiElimina
  11. Grazie per questa condivisione.

    "L'amore è come la grazia di Dio, l'astuzia non serve"

    RispondiElimina
  12. TrecceNere: c'è la morte in quella frase.

    RispondiElimina