venerdì 1 aprile 2011

Lavorare stanca

Ci sono giorni che nemmeno lo scrivere invoglia a scrivere. Sono i giorni in cui, alienato, ti accorgi che il lavoro occupa gran parte della giornata. E, alla fine della lunga, estenuante battaglia del lavoro, torni a casa sfinito. Quando torni, c'è quell'altra parte di vita che vuol dire sera, vuol dire casa, vuol dire cibo, vuol dire piatti, vuol dire tardi. Quell'altra parte di vita che, timida, ti chiede di dare un senso al tutto.

Ecco, oggi è uno di quei giorni. 


Ma anche in un giorno come questo la poesia viene in soccorso.










"Val la pena esser solo, per essere sempre più solo?" ci chiede.


Non ho niente da dire. Oggi do a Cesare (Pavese) quello che è di Cesare (Pavese). Preferisco tenermi la mancanza di senso. 

L'ispirazione può nascondersi dentro le viscere di un pesce d'aprile?






11 commenti:

  1. ....un vuoto di senso......che meravigliosa espressione........

    RispondiElimina
  2. Non ho ancora finito con lui... mi perseguita

    RispondiElimina
  3. http://www.youtube.com/watch?v=dX9xG2yv3PU

    RispondiElimina
  4. ti aspettavo....
    semplicemente questo...

    RispondiElimina
  5. da dove nasce il tuo pensiero?
    da radici simili a quelle che generarono questi:"Oggi che ti aspettavo
    non sei venuta.
    E la tua assenza so quel che mi dice,....."

    non pensare...
    domanda...
    le nostre vite non sono uguali
    e i miei passi di danza non seguiranno i tuoi se non ci interroghiamo vicendevolmente...

    RispondiElimina
  6. è pur vero che:
    "
    ci sono risposte che non nascono da domande,
    crescono nel ventre della mattina
    come piccoli spontanei fiori."

    http://www.undo.net/Pressrelease/foto/1190306399b.jpg

    RispondiElimina
  7. Anonimo: ho la mail del blog, scrivimi lì. E dammi una risposta, senza bisogno che io chieda...

    RispondiElimina