mercoledì 9 marzo 2011

Non sto pensando a niente

Avrei voluto scrivere nei giorni scorsi. Del Carnevale. O forse della donna, delle maschere che questa è costretta  a portare, e non solo in questo periodo dell'anno, ancora, al giorno d'oggi si , in alcune realtà infelici. Maschere a ben vedere diverse da quelle che a noi tocca indossare ogni giorno per far parte di questa società, per non apparire folli o, d'altro canto, per non cadere nell'anonimato. Maschere sfigurate dall'acido, che servono per proteggere l'anima dalle violenze. Come le maschere utilizzate dalle donne del pakistan, anche in questo periodo dell'anno, fatte della pelle propria, truccate di dignità. Una dignità che non ha prezzo. 





Questa ragazza era bella come Ruby. Ora lo è di più.

Volevo dire di altre maschere. Descrivere gioia, luci, colori, danze e felicità. Ma oggi non sto pensando a niente.



Non sto pensando a niente


Non sto pensando a niente,
e questa cosa centrale, che a sua volta non è niente,
mi è gradita come l'aria notturna,
fresca in confronto all'estate calda del giorno.
Che bello, non sto pensando a niente!


Non pensare a niente

è avere l'anima propria e intera.
Non pensare a niente
è vivere intimamente
il flusso e riflusso della vita...
Non sto pensando a niente.
E' come se mi fossi appoggiato male.
Un dolore nella schiena o sul fianco,
un sapore amaro nella bocca della mia anima:
perché, in fin dei conti,
non sto pensando a niente,
ma proprio a niente,
a niente...

-Fernando Pessoa-



E sto bene così.

9 commenti:

  1. sono giorni che continuo ad entrare qui perchè so esserci uno spazio per me ...eppure...
    stanotte ho trovato i colori di quello spazio...
    te lo dono...

    http://www.youtube.com/watch?v=8HQwVrefoK0

    RispondiElimina
  2. Anonimo: è una bellissima poesia d'amore, una delle mie preferite... Vuoi indissolubilmente legare la tua anima alla mia? ;)

    RispondiElimina
  3. il film mi appartiene molto...
    è uno di quelli che sento di più...
    io sono quasi ogni personaggio che compare...
    lei...la sua forza, la sua corazza, la sua passione...
    lui...l suo dolore, il suo non rinunciare, il suo amore immenso...
    il mondo...le incomprensioni, il tornare sui propri passi...l'amore...

    RispondiElimina
  4. Anonimo: trovo questo film molto poetico. Una fiaba...La tua presenza.

    RispondiElimina
  5. che cosa meravigliosa mi hai detto...
    ed un giorno capirai perchè!

    ti abbraccio forte forte se vuoi....

    RispondiElimina
  6. Anonimo: e va bene, se proprio insisti...;)

    RispondiElimina
  7. lo sapevo che eri un tipo generoso prrrr:)

    RispondiElimina
  8. Assurdo aver pensato che Tra C&T non ci fosse già ciò che anch'io ho nel cuore.
    Ora mi sento così strana..................


    "vorrei che il mio cuore si spaccasse perchè potessero uscirne tutte le cose che vi sono imprigionate. Le mie mani sono stupide, timide, sconosciute. I nostri cuori sono molto migliori di noi; e fra i sentimenti e le maniere che noi possediamo per descriverli, ci sono mille veli. Quando si riesce a esternare ciò che si ha all’interno, si vive in uno stato di costante rinascita. E' una ricostruzione quotidiana del proprio essere: e, come hai detto benissimo tu, il giorno di ieri E' accaduto mille anni fa"

    K- Gibran


    ecco come mi sento ...come se ieri fosse accaduto mille anni fa!!!

    Gizeta che in un lampo di follia sa di conoscere anonimo

    RispondiElimina
  9. Gizeta: qui ti sento molto vicina, quasi ti sfioro...

    RispondiElimina