venerdì 25 marzo 2011

Istanti


Non sono mai stato ossessionato dallo scorrere del tempo. Credo ci sia una stagione per ogni cosa. Pertanto, non vorrei tornare indietro, nè tantomeno troverei gradevole al momento fare un salto nel futuro. L'idea dell'immortalità mi dà orrore. Come l'idea di non riuscire a trovare una collocazione in questo mondo. La vecchiaia non mi fa paura. La affronterò con felicità, consapevole dei malanni che mi attendono, ma speranzoso che la memoria non mi abbandoni,  così da poter regalare un po' di saggezza a chi avrà la pazienza e il buon cuore, forse anche l'intelligenza, di ascoltarmi, ché da un vecchio, se si hanno orecchie, qualcosa si impara, sempre.
E, beninteso, voglio ribadirlo con forza, amo la vita. In particolare trovo poetico aspettarmi da ogni singolo giorno qualcosa di diverso da quello che l'ha subito preceduto.
Pur tuttavia ho sempre pensato che una vita fosse più che sufficiente per coglierne il mistero, il senso profondo.

Oggi però ho letto questa poesia di Borges.


Se io potessi vivere un'altra volta la mia vita
nella prossima cercherei di fare più errori
                                                    non cercherei di essere tanto perfetto,
mi negherei di più,
sarei meno serio di quanto sono stato,
difatti prenderei pochissime cose sul serio.
Sarei meno igienico,
correrei più rischi,
farei più viaggi,
guarderei più tramonti,
salirei più montagne,
nuoterei più fiumi,
andrei in posti dove mai sono andato,
mangerei più gelati e meno fave,
avrei più problemi reali e meno immaginari.
Io sono stato una di quelle persone che ha vissuto sensatamente
e precisamente ogni minuto della sua vita;
certo che ho avuto momenti di gioia
ma se potessi tornare indietro cercherei di avere soltanto buoni momenti.
Nel caso non lo sappiate, di quello è fatta la vita,
solo di momenti, non ti perdere l'oggi.
Io ero uno di quelli che mai andava in nessun posto senza un termometro,
una borsa d'acqua calda, un ombrello e un paracadute;
se potessi vivere di nuovo comincerei ad andare scalzo all'inizio della primavera
e continuerei così fino alla fine dell'autunno.
Farei più giri nella carrozzella,
guarderei più albe e giocherei di più con i bambini,
se avessi un'altra volta la vita davanti.
Ma guardate, ho 85 anni e so che sto morendo.


Jorge Luis Borges   

E qualche dubbio adesso ce l'ho.        

20 commenti:

  1. Adoro questa poesia.Grazie per avermi dato modo di leggerla dopo tanto tempo!
    x

    RispondiElimina
  2. questa non è la mia prima vita...ne sono certa...
    sarei felice di viverla come parte importante di un mio percorso...
    sarei felice di trovare ciò che non ho avuto la forza di cercare in precedenti vite...
    questa convinzione ha cancellato la parola "caso" dalla mia mente...
    e mi costringe a vivere questo tempo con una sacralità che prima non avevo...
    nulla finisce ...mai...
    nella mia anima alle volte trovo versi di tempi lontani e so che nelle parole c'è l'immortalità che viaggia nel tempo....

    fine delirio...

    RispondiElimina
  3. Anonima: sto rispondendo a tutti i tuoi post, e mi sembra di trascorrere una serata insieme a te.
    Le tue parole mi affascinano, hanno il sapore dell'immortalità che viaggia nel tempo, e piegano pure lo spazio. Diciamo che sono in prossimità di me...
    Non sarò certo io a curarti questo delirio...!

    RispondiElimina
  4. curarmi....
    eppure...
    vorrei essere curata...
    non di quella cura che vuole eliminare, esplellere, depauperare...
    non vorrei che mi togliessero ,ma che mi affiancassero...
    curare...!!!!
    si...
    vorrei essere curata...
    vorrei che uno sguardo si posasse su di me, vorrei che il Suo sguardo si posasse su di me come se mi vedesse sempre per la prima volta, ma anche come chi,come chi mi conosce da sempre...
    curare il mio delirio...
    nel mio delirio vivo e sento scorrere la vita...
    e non vorrei che mi si curasse da esso ma che la cura avvenisse in esso...

    ti sorrido

    RispondiElimina
  5. Anonimo:Già il delirio è un tentativo di cura...Che poi il delirio sia un sintomo, o una poesia, c'è davvero poca differenza...

    Sei sulla buona strada dunque.

    RispondiElimina
  6. non sono riuscita ad arrivare a te....
    sarà per un'altra volta...

    RispondiElimina
  7. Anonimo: "per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente"... Non so perchè, mi hai suscitato questi versi... Così sai dove trovarmi...e magari rinunci! Scherzo, la vita è in un sorriso.

    RispondiElimina
  8. un varco...una porta, un passaggio, l'inizio di un cammino :)
    bene...mi piace....

    non amo i percorsi semplici e scontati, prevedibili e banali...

    e i versi che hai riportato non fanno pensare a nulla di banale :)

    RispondiElimina
  9. Anonimo: non so perhè, ma mi sono fatto la fantasia che tu mi conosci fuori dal blog. Ma che non mi conosci così bene...Se così è perderesti gran parte del rispetto che nutro nei tuoi confonti. Meglio essere chiari, non trovi?

    RispondiElimina
  10. è una fantasia...
    quando chiudo gli occhi e fantastico mi appare ciò che vorrei...
    capita lo stesso a te?!
    se così fosse, riapri gli occhi ed io sparirò...

    RispondiElimina
  11. Anonimo: solo in parte e non sempre i desideri si nascondono dietro i timori...

    RispondiElimina
  12. ne sono lieta...
    ......

    sarò limpida... ogni volta che ti verrai a specchiare in me cercando immagini o altro...

    ciò che non farò sarà rimandare immagini non richieste!

    finisco di lavorare :)

    due sorrisi

    RispondiElimina
  13. che strano!
    forse dovrei dire che emozione...
    rileggersi è una sensazione forte e travolgente...da togliere i pensieri...

    ora ti spiego!:P

    un anno fa nel sito dove avevo il blog cambia il programma e i blog vengono rimossi...
    una sorta di castrazione forzata...
    oggi scopro che il blog è stato ripristinato...
    e rileggere le cose scritte in questi anni...

    è come guardare un album di vecchie foto...
    guardare foto di quando si era più bimba...
    riconoscersi in alcuni tratti...
    non ritrovarsi in altri...
    e poi...
    parole richiamano parole...
    ma anche emozioni, pensieri, immagini, periodi di vita conclusi...
    porte della mente che vengono spalancate...
    che bello!

    volevo condividerlo con te...

    vado a mare...
    a stasera...

    un sorriso grande...

    RispondiElimina
  14. Anonimo: mi piacerebbe vedere le tue foto da bimba...forse ti riconoscerei nei tratti essenziali...dimmi come arrivare al tuo blog ;)

    RispondiElimina
  15. ho tolto i filtri di protezione...
    il mio blog è visibile anche ai non registrati...
    non ti sarà difficile trovarmi;)

    RispondiElimina
  16. sai quei giochini idioti che si fanno da bambini?!
    : se legge il blog entro quest'ora lascio lo sblocco...altrimenti rimetto i filtri di protezione?!!
    l'hai mai fatti?

    io si...
    anche ora...
    non ci sei e rimetto i filtri ;)

    alla prossima occasione

    un sorriso e sogni d'oro...
    vado a dormire...
    sento l'anima pesante stasera...
    spero che i sogni di questa notte mi facciano respirare...

    RispondiElimina
  17. Anonimo: si, mi sembri una bimba...;) Ma è un sito di psicologia...? Forse è meglio se mi dai il link...

    RispondiElimina
  18. bimba...
    è una delle maschere che mi sono regalata...

    ti piace?!
    :P

    RispondiElimina