sabato 11 giugno 2011

L'amore secondo Tagore - secondo momento

(...continua)


Vieni nel mio giardino, amore.
Oltrepassa i fiori che s’offrono
splendidi al tuo sguardo,
per soffermarti all’improvvisa gioia
che illude e illumina
nell’incantevole tramonto.
Il dono dell’amore è pieno di pudore, non rivela mai il suo nome,
si nasconde tra le ombre,
diffondendo momenti di gioia
ovunque, perfino nella polvere.
Prendilo o sentine per sempre
la mancanza!
Il dono che può offrirsi è semplice
come un’esile corolla
o una luce dalla fiamma  tremante.

  - da Dono d’amore -


"Ma come Amore, non capisci ? Sono io. Sono quello che saremo insieme !" sembra dire il nostro uomo. Pensava fosse più semplice. Pensava di aver capito tutto. Il guaio è che adesso comincia a sentire. Sentire il contrasto della mancanza mista alla presenza...


(continua...)

2 commenti:

  1. "Prendilo o sentine per sempre la mancanza...."
    indietro torno sui tuoi passi per scorgerti e ti trovo a passeggio sui sentieri di Tagore, inutile dirti che anch'io ci ho camminato insieme e cosa non ho "provato" di fronte a simili panorami!
    ma ancora indietreggio animata dall'urgenza ...se faccio in tempo....

    RispondiElimina
  2. Non ti faccia paura il tempo, che c'è un tempo per scrivere e un tempo per vivere la poesia... Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina