domenica 6 novembre 2011

Allegria d'autunno


Eppure mi ero nascosto bene. E non con la certezza che non mi trovasse. Ma con quella, più solida, che nemmeno io potessi farlo.

Per essere sicuro, ho pensato,  mi nasconderò sotto il letto. Lì non mi troverà. 

Nel silenzio, decido di non respirare più. Oh credetemi. Nemmeno il pensiero si avvertiva!

Poi sento la porta spalancarsi. 

Al passettino suo veloce fa un giro attorno alla stanza. 

E' la mia bimba. Vuole giocare. Ma non io!
L'eccitazione sale, poi lascia posto all'euforia. Si ferma ad un passo dal letto...

Oh no! Ha intuito qualcosa! Lo sento... no si piega, è il momento!!

Ahahah. Mi fa ridere il suo volto allegro di sorriso e di spavento! Quant'è contagioso. Ridiamo e si intrufola tra i miei pensieri. 

Pensieri di felicità.

E' autunno. C'è il sole. Sono allegro. 

La poesia assume le sembianze della figlia che un giorno verrà.

E, contagiosa, mi spinge a vivere, come a scrivere. 

E allora, miei cari amici poeti, una poesia per voi. Ho voglia di condividerla questa necessità.





Vana


Invano ho lottato
per convincere il mio cuore a piegarsi;
invano gli ho detto:
"Ci sono poeti più grandi di te".

La sua risposta, come vento e suono di liuto
come vago lamento nella notte
che non mi dà riposo, dice sempre:
"Un canto, un canto".

I loro echi ondulano uno nell'altro nel tramonto
cercando sempre un canto.
Ah, io sono consumato dal lavoro
e il vagare per infinite strade ha cerchiato di viola,
ha riempito di polvere i miei occhi.
Su di me c'è ancora un tremore nel tramonto,
e piccoli elfi rossi di parole gridano: "Un canto",
piccoli grigi elfi di parole gridano per un canto,
piccole foglie gialle di parole gridano: "Un canto",
piccole foglie verdi di parole gridano per un canto.
Le parole sono foglie, vecchie foglie gialle già di primavera,
portate qua e là dal vento vanno cercando un canto.



-E. Pound-
(trad. S. Quasimodo)   

23 commenti:

  1. Prima!!!! Sono la prima!
    Ps: sei pure papà?

    RispondiElimina
  2. Interessante la simbologia della parola "figlia" associata alla poesia, intesa come elemento generato... dal gioco di un ispirazione che aleggia e ti cerca, tra le pareti di una stanza...
    Anche qui c'è il sole... ed è una domenica speciale...
    Una buona domenica... oggi... più terra che cenere!

    PS: Anche io faccio spesso la cretina, questo non fa di me, una della mia età!
    ^_-.

    RispondiElimina
  3. Volevo scrivere qualcosa di molto simile a quello che ha scritto La Ballata di Stroszek, ma dato che ci ha già pensato lui (o lei)...

    Buon lunedì.

    RispondiElimina
  4. ...non riesco a decidere...la prefazione tua o la poesia.:)

    ...anche se gli Elfi...ma...:)))

    ...simpatico ...perfettamente.... Allegro Autunno.:)
    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  5. Fede: padre, fratello, figlio, e pure sorella e madre (?!) di tutto ciò che somiglia alla poesia.
    Già, sei stata la prima ;)

    Dark: grazie, cogli aspetti che devo ancora cogliere... ci metto sempre un po' per capire cosa ho scritto. E poi credimi che come lo faccio io il cretino, nemmeno un cinquenne.

    Ballata: non so tantissimo di lui. Ma è un amico.

    Your noise: grazie per essere passata allora... spero sia stato un buon lunedì per te.

    Vania: Mmm, fammi pensare... vince Pound. ;)

    RispondiElimina
  6. Eppure, lo psichiatra sei tu...
    L'altro aspetto da cogliere, molto più concreto è che hai una bimba per davvero!

    PS: No.... no.... ok... te la do buona, hai vinto... la cretina fino a quel punto, non la faccio, poi, magari qualcuno, penserà pure che io, cretina ci sia, anche se ancora non ho incontrato questo qualcuno...
    Ma a parte questo... dentro ho 50 anni, fuori me ne danno meno di quelli che ho.... ma io, preferirei me ne dessero 50!
    Minc... che piesse!

    RispondiElimina
  7. che meraviglia questa poesia,
    non la conoscevo.
    Grazie per averla condivisa,

    una carezza.

    RispondiElimina
  8. Dark: Come li fai tu i piesse non li fa nessuno, questo è sicuro... ;)

    PS: mmm, dici che ho una figlia? Non lo so, non ci avevo mai pensato...

    Najla: ti piace? Prendila, è tua.

    RispondiElimina
  9. Quanto mistero...
    Eppure, sarebbe una cosa meravigliosa, da andarne fieri!

    RispondiElimina
  10. Come sarebbe essere figlia delle figlie ???

    RispondiElimina
  11. Dark lui fugge....
    e intanto fra una poesia e l'altra tiene alto l'interesse...

    RispondiElimina
  12. @Anella...
    Ma tanto, lo acciuffiamo lo stesso...

    ^__^

    RispondiElimina
  13. Deliziosa poesia ed anche i tuoi pensieri.
    A presto un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Tutto ciò che ci attende è già parte di noi...aspetta solo il nostro divenire...
    piacevole lettura...
    dandelìon

    RispondiElimina
  15. Dark: un giorno sarò padre. E sarà meraviglioso.

    Anella e Dark: ;) No no, vengo io. Niente fughe maledette...

    Gizeta: non fare del "nIpotismo" !! ;) Questa era pessima, ok.

    Astronauta: Grazie. Passerò presto a trovarti con un po' di calma.

    RispondiElimina
  16. Dandelion: credo anche io... Ps: piacevole è un aggettivo che apprezzo molto. Grazie.

    RispondiElimina
  17. :)) eh eh non si può rubare sangue blu nelle vene, solo aspirare all'essenza della matrice...cos'è se non poesia il frutto d'ella stessa!

    RispondiElimina
  18. Che tenerezza l'immagine della tua bambina che ti scopre! Dev'essere un'emozione indescrivibile essere papà :)

    RispondiElimina
  19. Bravo poeta...canta ancora per noi poveri cristi ammaliati....

    P.S. Io posto come anonimo perchè in realtà lo sono davvero.

    poesiasenzapatria.blogspot.com

    RispondiElimina