domenica 18 marzo 2012

Quello che veramente ami



Non ci chiede la poesia che di ascoltarla...










Strappa da te la vanità, non fu l’uomo
A creare il coraggio, o l’ordine, o la grazia,
Strappa da te la vanità, ti dico strappala






Come un'ossessione scorrono le parole, e finalmente fermo, disteso, ho gli occhi al soffitto. 


Fresco. Quasi di zecca. Un nuovo profumo.



Il mondo a chi appartiene, a me, a loro
o a nessuno?





A contatto con la verità, fino quasi a sfiorarla. Al buio del giorno più vecchio una luce e una domanda. 


Una risposta perfino... cosa diceva all'inizio?



Quello che veramente ami rimane,
il resto è scorie




Sorrido...



Quello che veramente ami non ti sarà strappato
Quello che veramente ami è la tua vera eredita’





... sì, è così...

22 commenti:

  1. che bella,
    grazie, non conoscevo questo poeta e ora andrò a vedermelo.
    L'incipit è strepitoso, e anche il ritornello, strappa da te la vanità.
    Ha ragione, cavoli, se non ti svesti dell'egocentrismo e dell'orgoglio non puoi vedere ciò che veramente rimane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' da un po' che lo leggo. E lo apprezzo ogni volta. Sì, è sbalorditiva la forza della verità contenuta nei versi... Strappa da te la vanità! Come fosse una veste.

      Elimina
  2. Interessante! Chi fa poesia lo seguo sempre volentieri.

    RispondiElimina
  3. L'amore è una eredità per chi sa ereditare, facendo fruttare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sappia ereditare l'amore solo chi lo ha ricevuto...

      Elimina
  4. la poesia va sentita dentro nel profondo, ella è amore incondizionato dell'anima che ne da dimora..

    RispondiElimina
  5. La poesia è un po' l'osso, il nocciolo nella quotidianità, portato alla sua essenza più arcaica...
    La poesia, quella vera, ti entra nelle ossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, è la struttura dello scheletro...

      Elimina
  6. Ecco qui...cosa è davvero la poesia!

    RispondiElimina
  7. Noto con piacere che anche ti abbracci la "soffitto-terapia".
    Ho sempre creduto che i pensieri migliori si partiscano fissando proprio il soffitto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Funziona anche il cielo stellato, come il mare e il suo orizzonte. Quando penso troppo, poi, il soffitto mi cade addosso sai?

      Elimina
    2. Ogni tanto cade addosso anche a me. Forse un cielo stellato è più leggero...

      Elimina
    3. A patto di evitare le stelle... ;)

      Elimina
  8. Eppure ho amato tanto ma non è rimasto quasi nulla. Oh se mai ci capirò qualcosa di questa vita mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah! Ma ci sono le mie lezioni d'amore...fidati.

      Elimina
  9. ..."Quando ti chiedi cos'è l'amore,
    immagina due mani ardenti
    che si incontrano,
    due sguardi perduti l'uno nell'altro,
    due cuori che tremano
    di fronte all'immensità di un sentimento
    e poche parole
    per rendere eterno un istante"...

    Alan Douar

    che cosa deve essere la poesia........pura emozione...

    baci baci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poesia e Amore se ne vanno a spasso insieme. L'altro giorno li ho visti ai giardinetti. Lui, l'Amore, la guardava intensamente e sorrideva. Lei, la Poesia, rispondeva al suo sorriso con gli occhi pieni di lacrime, e nel frattempo rideva a crepapelle. Mica si capisce se si ricambiano.

      Elimina
  10. Quello che veramente ami non ti sarà strappato
    Quello che veramente ami è la tua vera eredita’


    che sia davvero così ve ne prego!

    RispondiElimina