sabato 30 gennaio 2021

Anno nuovo, vita nuova?

Sarebbe bello cominciare ogni nuovo anno come fosse il primo della vita. Concentrare propositi, pensieri e speranze all'interno di quel nucleo denso di materia che è la coscienza in divenire di un nuovo essere che nasce. Sarebbe bello se ogni nuovo anno fosse per davvero nuovo, intonso, pulito, candido, come una pagina bianca in attesa delle parole. Sarebbe bello, già! Sarebbe bello. Sarebbe bello? 


Sarebbe bello se ogni nuovo anno fosse il primo? 


Più  che riporre fiducia nel futuro, preferisco ribadire, nel presente, la mia incondizionata adesione al passato. Io, come tutti quanti, sono il prodotto algebrico di tutte le scelte che ho fatto, delle persone che ho incontrato, delle pagine che non ho scritto e di quelle che ho macchiato col sangue, dei libri che ho divorato, dei lutti che ho sofferto, degli anni che ho imparato e di quelli che invece ho scordato. 


Non ho voglia di ricominciare tutto da zero, sebbene i ricordi più belli appartengano al passato della mia infanzia. Ho voglia di andare avanti trascinandomi dietro il bagaglio di ciò che sono e sono stato. Potrà essere faticoso, ma a ogni sosta di questo viaggio, in ogni albergo in cui riposero', anche soltanto per una notte, sarò a casa.


Sento il peso dell'età, è vero. Ma mi piace un sacco sentirmi vissuto. Ogni nuova ruga è una tacca. Non sono più una piantina, ma un albero di frutti succosi.



Ne volete assaggiare uno? 

2 commenti:

  1. La vita è una linea e ogni suo punto segue quello precedente e non può prescindere da lui, e così via a ritroso fino al primo assoluto. Il dove siamo è dato dalla direzione presa dalla linea punto dopo punto. Accettare questo e fare del proprio meglio per migliorare senza pretendere l'impossibile è uno dei fondamenti del piacere di vivere.
    Buon anno!!!

    RispondiElimina
  2. La penso esattamente come te. Cerchiamo di essere, ogni anno che passa, la versione migliore di noi stessi.

    RispondiElimina