mercoledì 27 marzo 2013

Eppure, nel corpo, una tristezza sottile...



Eppure, nel corpo,
una tristezza sottile,
come di chi debba scrivere
per vivere....


Cosa sapete volerne voi di vita? E cosa significano tutte queste parole? Di cosa interrogarsi la sera tardi, di cosa respirare?



Siamo capaci di vivere?
Siamo capaci di vivere?
Siamo capaci di vivere?
Siamo capaci di vivere?



Sì. Lo siamo. Lo siamo.



Forse è così che gli interrogativi lasciano spazio alla passione...



                                                                         - dal web -


A questo punto l’uomo si accende la sigaretta, e scoppia in una fragorosa risata.




E ama, potete giurarci. Ama più di ancora la sua pagina impacciata.










12 commenti:

  1. ...sottili tristezze....le cancelliamo con il bianchetto;)....buone festività.
    ciaoo Vania:)


    ..ps...non male l'11cesima lezione qui sotto.:)...ce ne sono infinite come i numeri.:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cancelliamo col bianchetto...non ci avevo pensato, grazie...;)

      Elimina
  2. E guarda l'amore che non ha commenti
    da fare.

    Francesco De Gregori - L'amore Comunque

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre tu sei...poche e sagge parole. Ti voglio bene.

      Elimina
  3. Siamo capaci di Essere vivi a volte si a Volte no.
    Perdona la mia assenza
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  4. Sento la tua mancanza... Scrivi ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi viene difficile rispondere a chi non ha un nome. A ogni modo voglio rassicurarti. Non smetterò mai di scrivere fino a quando avrò energia in corpo, visto che per me scrivere vuol dire vivere.

      Elimina
  5. respiro
    splendide riflessioni
    uno stile alla Baricco... io lo adoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Onda. Da un po' di tempo a questa parte ti sento più vicina, eppure ci seguiamo da tempo. E' bello che una forma di conoscenza possa procedere lenta, senza ballare al ritmo frenetico di questi tempi. Baricco dici. L'ho letto un po'. Non tanto. Uno stile simile? Forse quando procediamo a scrivere trasportati dalle emozioni, attraverso parole che sono suggestioni. Non so. Quando lo leggo rimango un po' freddo. Perchè non abbiamo la stessa anima, e non capisco come si strutturi la sua attorno alle parole. Consolo forse mi è più vicino in questo senso. Ma loro sono stati o sono scrittori affermati, e hanno la magia. Io faccio piccolo giochetti di prestigio. Per i miei amici più cari. Grazie comunque, di cuore.

      Elimina
  6. ciao è la mia prima volta su questo blog...ma che belle queste poesie!!!! se qualcuno a qualche consiglio per le mie le trova su poesiebea.blogspot.com
    grazie in anticipo!!!!

    RispondiElimina