martedì 7 agosto 2012

Estratti astratti d’estate



[…] Volgare ripetizione questa vita di quell’altra. Eppure nella fantasia non avevo ancora gli anni di adesso. Ero più giovane, quasi un bambino, e mi sembrava di poter vivere con tutti i sensi. Qui invece, da questa parte, al di qua dei sogni, se guardo non ascolto, se annuso non gusto, e se tocco, be’, se tocco a volte non sento […].

 

[…] Proposito per il nuovo anno. Quello che comincia domani. Immagazzinare quanta più vita possibile, farne conserva. E poi scrostare, allo sguardo attento della suggestione, l’emozione. Veder crescere i pensieri nuovi e trasferirli nella fantasia, su carta, e scrivere quindi, e poi deglutire. Ecco, così […].

 

[…] Questa estate è raffinata, bada alla bellezza. Corre veloce come la ninfa inseguita dal Giove di turno, un po’ schiavo e un po’ padrone. Guardo la gente intorno. È tutta colorata in faccia fin sulle chiappe, come per sfuggire al pallore della morte. E c’è qualcosa, quando finalmente mi vedo, che mi fa stare bene. Sono in mezzo alla gente che vive, bello tra belli. Vivo appunto, dialogo. Ma non con me stesso. Viaggio, pure, ma non dall’interno, verso fuori invece, come dev’essere […].

 

[…] Esploro le strade nuove del Raval e cerco quanti più amici ci sono. Bevo un’aranciata ma non è vero, è roba alcolica. Fluttuo dunque, tra le onde degli incontri, i sapori e i colori, su tutti i dialetti del mondo […].







E mentre scrivo, l’ora per voi, proprio in questo momento, mi sento fremere e io lo so perché. C’è qualcosa che mi vuole squarciare, spinge dal profondo.



 



È tutto il mare che mi porto dentro.




 

15 commenti:

  1. ...intanto "vorrei" dirti ....e non parlo della canzone...:)))...che il titolo di questo post mi piace molto :))
    ...essenziale/asciutto ..per l'estate...anche per le altre stagioni però:)

    ...per il post..io amo l'aranciata...e mi piace molto la canzone. Thanks.:))
    ciaoo Vania

    ....ora vado a bermi...sorseggiare (per essere più chic/cool;))) un the alla pesca.:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque... titolo, aranciata e canzone.

      "Vorrei un estratto d'arancia". Dovrebbe piacerti da morire questa frase... ;)

      Elimina
    2. ...non male...non vorrei che ci prendessi gusto:))

      ....e poi la vitamina C...fa sempre bene...;)))
      ciaooo Vania

      Elimina
  2. Tutto questo mare che ti porti dentro. ricco di meraviglia, di cose speciali...


    Com'è profondo il mare... http://youtu.be/HYBhn9UGZv0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "[...] mi sono stancato dei poeti, vecchi e nuovi; per me sono tutti superficiali e come mari bassi. Non hanno pensato abbastanza in profondità: per questo il loro sentimento non è sceso mai fino in fondo. Un po' di voluttà e un po' di noia: è ancora la loro migliore meditazione [...] Per me non sono neppure abbastanza puliti: intorbidano tutti la loro acqua perchè sembri profonda [...] Certo, si trovano perle in loro: e tanto più ciò li fa assomigliare a dure ostriche. E al posto dell'anima ho trovato spesso in loro fango salato. Dal mare hanno imparato anche la loro vanità: forse che il mare non è il pavone dei pavoni? [...]"

      Un vecchio lupo di mare mi disse una volta di non fidarmi mai, e per nessuna ragione al mondo, del mare. Si chiamava Nietzsche.

      Elimina
  3. A volte, ciclicamente, bisogna lasciarsi squarciare per poter diventare quello che si è già. A volte, ciò che marina d'inverno deve esplodere durante l'estate. E a volte, quando lo permetti, la spuma di tutto il mare che ti porti dentro, si riversa su queste pagine, su di noi, e ti assicuro che è come portare una conchiglia all'orecchio.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che sono molto sensibile alle tue parole. Dunque piantala. ;)

      Mi hai scritto una cosa bellissima


      Un abbraccio a te

      Elimina
  4. detriti estivi
    l'emozioni fuggiasche
    stelle sciupate

    haiku del 20 agosto 2012

    RispondiElimina
  5. non ho letto il post, ma mi sono gustata questa bellissima vorrei di Guccini, una delle poche canzoni romantiche.

    RispondiElimina
  6. Ecco...dopo una giornata di sguardi estranei, di voglia di posare gli occhi in quelli di qualcuno che li accolga, per riposarli; dopo momenti di cuore solo, perché quel "mare" dentro (quello che tu hai, quello che tu hai sentito, quello che tu hai nominato)a volte lo senti proprio che si muove e con lui ti muovi tu, perché, volente o nolente ti trasporta; dopo la voglia di trovare le parole per spiegare cos'è quello che da dentro vuole uscire...ecco...arrivi tu, e gli dai un nome. Un nome semplice, come qualunque nome importante dovrebbe essere. Un nome che contiene mille e mille cose.
    E' stato bello sapere che quel mare c'è, esiste, e non solo dentro di me.
    Grazie.
    Come sempre, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se posso esprimere per davvero ciò che sono con le parole, allora un tentativo va fatto, sempre. Nel nome dell'autenticità. Se queste parole diventano poi il seme delle emozioni degli altri e generano di rimando altre parole, più belle anche, allora sono felice perché mi sento pure utile. Questa volta al tuo grazie non rispondo arrossendo. ;)

      Elimina
  7. Adoro Guccini. Tutto. Solo per questo non riesco a dire che questa è una delle mie canzoni preferite. Tutte le sue canzoni lo sono per me. Buona domenica.

    RispondiElimina